Le Serate di Terroir Amarone: alla scoperta del gusto delle valli

Manifesto #1

Lo scopo principale di Terroir Amarone è approfondire la conoscenza della denominazione Valpolicella dal punto di vista delle sue specificità territoriali: già nel passato Gian Battista Perez nel suo libro "La Provincia di Verona e i suoi vini" distingueva i vini in base alle vallate. E allora, ci siamo chiesti, perché non provare a farlo ancora oggi? Certo, i cambiamenti ambientali, colturali e culturali, la tecnica, l'urbanizzazione... possono aver inciso profondamente anche sul territorio. Ma se un suolo è calcare-marnoso, piuttosto che argilloso o tufaceo, resterà tale nei secoli, a meno di un cataclisma di proporzioni inimmaginabili. Quanto il suolo e le sue interazioni con gli altri elementi naturali influiscono sulla caratterizzazione dei vini? Da questi interrogativi è nata l'idea di assaggiare i vini della Valpolicella distinguendoli per vallate, nel corso di serate conviviali che vogliono essere semplicemente un momento di relax, di conoscenza  condivisa in modo molto sobrio e friendly - e anche di scoperta di nuovi produttori. Quello dei vini di vallata è infatti solo il primo dei fili conduttori delle nostre serate: il secondo è quello dei vignaioli delle marogne.  La scelta dei vini che accompagnano le nostre cene risponde a criteri molto precisi: sono Valpolicella, Ripasso, Amarone e Recioto prodotti da vignaioli con vigneti in collina coltivati sui caratteristici muretti a secco (marogne). Cos'hanno di diverso dagli altri i vigneti coltivati su questi terrazzamenti? Richiedono al vignaiolo un considerevole supplemento di lavoro, cura, attenzione. Per fare vino da vigneti sulle marogne occorre una dose di passione e di spirito di sacrificio che non tutti  possiedono. Per valorizzare questi vini e il lavoro di questi produttori, Lodovico Testi ha dato nella sua carta vini un particolare risalto a certe etichette, e sogna di riunirli in un'apposita associazione, che coinvolga magari anche altri produttori marognari sparsi per l'Italia... E di questo noi di Terroir Amarone parliamo durante le nostre serate. Ecco il programma completo: I VIGNAIOLI DELLE MAROGNE: SANT’AMBROGIO - 8/11/2011 La prima di una serie di serate dedicate alle vallate e comuni della Valpolicella.  Si comincia con Sant’Ambrogio e una degustazione di Valpolicella Classico, Superiore,  Amarone e Recioto. I VIGNAIOLI DELLE MAROGNE: Fumane 29/11/2011 Si prosegue con Fumane e una degustazione di Valpolicella Classico, Superiore,  Amarone e Recioto. I VIGNAIOLI DELLE MAROGNE: S.PIETRO IN CARIANO 13/12/2011 Idealmente nella vicina S.Pietro in Cariano per i suoi Valpolicella Classico, Superiore,  Amarone e Recioto. I VIGNAIOLI DELLE MAROGNE: Negrar 24/01/2012 Al Ristorante Enoteca "Al Covolo" di Sant'Ambrogio di Valpolicella  Nella valle di Negrar per una degustazione di Valpolicella Classico, Superiore,  Amarone e Recioto. I VIGNAIOLI DELLE MAROGNE: Marano - 28/02/2012 Si prosegue con Marano e una degustazione di Valpolicella Classico, Superiore,  Amarone e Recioto. Amarone d’annata: 2001 - 13/03/2012 Una degustazione orizzontale di Amarone di 10 anni, l’età giusta per apprezzare pienamente il grande vino della Valpolicella. Verticale di Ripasso della Valpolicella - 17/04/2012 E’ il vino della Valpolicella che si è imposto sui mercati di tutto il mondo: lo valutiamo in una verticale per capirne l’evoluzione e il valore del Ripasso nel tempo. I VIGNAIOLI DELLE MAROGNE: Mezzane - 8/05/2012 Nella Valpolicella Orientale, a Mezzane per una degustazione di Valpolicella Classico, Superiore,  Amarone e Recioto. Recioto, il padre dell’amarone - 29/05/2012 Omaggio al vino dal quale tutto è nato, in Valpolicella. Stili dimenticati, torniamo a degustare il Recioto Spumante, Liquoroso, Amandorlato, Fresco, e l’interpretazione di alcuni Vignaioli delle Marogne. N.B.: il programma qui indicato potrebbe subire variazioni. Per aggiornamenti, seguite il gruppo su Facebook: www.facebook.com/groups/terroiramarone o il sito www.dallarosalda.it.

Lo scopo principale di Terroir Amarone è approfondire la conoscenza della denominazione Valpolicella dal punto di vista delle sue specificità territoriali: già nel passato Gian Battista Perez nel suo libro "La Provincia di Verona e i suoi vini" distingueva i vini in base alle vallate. E allora, ci siamo chiesti, perché non provare a farlo ancora oggi? Certo, i cambiamenti ambientali, colturali e culturali, la tecnica, l'urbanizzazione... possono aver inciso profondamente anche sul territorio. Ma se un suolo è calcare-marnoso, piuttosto che argilloso o tufaceo, resterà tale nei secoli, a meno di un cataclisma di proporzioni inimmaginabili. Quanto il suolo e le sue interazioni con gli altri elementi naturali influiscono sulla caratterizzazione dei vini? Da questi interrogativi è nata l'idea di assaggiare i vini della Valpolicella distinguendoli per vallate, nel corso di serate conviviali che vogliono essere semplicemente un momento di relax, di conoscenza  condivisa in modo molto sobrio e friendly - e anche di scoperta di nuovi produttori. Quello dei vini di vallata è infatti solo il primo dei fili conduttori delle nostre serate: il secondo è quello dei vignaioli delle marogne.  La scelta dei vini che accompagnano le nostre cene risponde a criteri molto precisi: sono Valpolicella, Ripasso, Amarone e Recioto prodotti da vignaioli con vigneti in collina coltivati sui caratteristici muretti a secco (marogne). Cos'hanno di diverso dagli altri i vigneti coltivati su questi terrazzamenti? Richiedono al vignaiolo un considerevole supplemento di lavoro, cura, attenzione. Per fare vino da vigneti sulle marogne occorre una dose di passione e di spirito di sacrificio che non tutti  possiedono. Per valorizzare questi vini e il lavoro di questi produttori, Lodovico Testi ha dato nella sua carta vini un particolare risalto a certe etichette, e sogna di riunirli in un'apposita associazione, che coinvolga magari anche altri produttori marognari sparsi per l'Italia... E di questo noi di Terroir Amarone parliamo durante le nostre serate.

Si ricomincia da qui

uva

Benvenuti su Terroir Amarone. Lo scopo di questa iniziativa è comunicare i vini della Valpolicella ai professionisti del vino e agli appassionati con una prospettiva internazionale. L'Amarone della Valpolicella è di sicuro il più conosciuto tra i vini di questa regione, ma la percezione tra gli esperti di vino sembra indicare che i vini Amarone provengano da aree di produzione indistinte. Eppure la Valpolicella è una regione produttiva ampia e molto complessa, con molte differenze nelle tipologie e negli stili riscontrabili nell'Amarone, provocate dai suoli differenti e dai terroir di origine, oltre alle tecniche produttive ormai consolidate tra i produttori. Come professionisti del vino viviamo e lavoriamo in Valpolicella: perciò, il nostro scopo sarà di dettagliare le informazioni sui vini, le aree di produzione, gli stili differenti, i profili dei villaggi, cantine, mappe, annate, note di degustazione, eventi. Troverete queste informazioni in questo sito, nella nostra newsletter e nei vari social media che nel tempo attiveremo. Alcuni contenuti rimarranno di libera lettura per tutti, altri di maggiore interesse per i professionisti saranno nel tempo disponibili a pagamento. Welcome to the new Terroir Amarone initiative. What we would accomplish is to communicate Valpolicella wines to wine professionals and wine lovers with an international perspective. Amarone della Valpolicella is for sure the most renowned wine from this region. Perception among wine experts seems to be that Amarone wines come from indistinct areas of production. But Valpolicella production region is wide and very complex, with so many different types and styles of Amarone, due to different soils and terroirs, and consolidated techniques among winemakers. As wine professional we live and work in Valpolicella: so, our aim is to detail wines, areas of production, different styles, villages' profiles, wineries, maps, vintages, tasting notes, events. You'll find infos on this web site, on our newsletter and through different social media we are going to implement. Some contents will be free, some more relevant to professionals will be charged.